Cerca nel blog

sabato 27 settembre 2014

Latino - Seneca - Dio è con noi e in ogni aspetto della natura (traduzione + paradigmi)

Non sunt ad caelum elevandae manus nec exorandus aedituus ut nos ad aurem simulacri, quasi magis exaudiri possimus, admittat: prope est a te deus, tecum est, intus est. Ita dico, Lucili: sacer intra nos spiritus sedet, malorum bonorumque nostrorum observator et custos; hic prout a nobis tractatus est, ita nos ipse tractat. Bonus vero vir sine deo nemo est: an potest aliquis supra fortunam nisi ab illo adiutus exsurgere? Ille dat consilia magnifica et erecta. In unoquoque virorum bonorum [quis deus incertum est] habitat deus. Si tibi occurrerit vetustis arboribus et solitam altitudinem egressis frequens lucus et conspectum caeli ramorum aliorum alios protegentium summovens, illa proceritas silvae et secretum loci et admiratio umbrae in aperto tam densae atque continuae fidem tibi numinis faciet. Si quis specus saxis penitus exesis montem suspenderit, non manu factus, sed naturalibus causis in tantam laxitatem excavatus, animum tuum quadam religionis suspicione percutiet. Magnorum fluminum capita veneramur; coluntur aquarum calentium fontes, et stagna quaedam vel opacitas vel immensa altitudo sacravit. Si hominem videris interritum periculis, intactum cupiditatibus, inter adversa felicem, in mediis tempestatibus placidum, ex superiore loco homines videntem, ex aequo deos, non subibit te veneratio eius? non dices, 'ista res maior est altiorque quam ut credi similis huic in quo est corpusculo possit'? Vis isto divina descendit; animum excellentem, moderatum, omnia tamquam minora transeuntem, quidquid timemus optamusque ridentem, caelestis potentia agitat. Non potest res tanta sine adminiculo numinis stare

Le mani non devono essere innalzate verso il cielo e il custode d’un tempio non va supplicato affinché ci lasci andare verso[1] l’orecchio della statua, quasi potessimo essere uditi di più: il dio è vicino a te, è con te, è dentro (nell’animo). Così dico, oh Lucilio: un sacro spirito risiede dentro di noi, osservatore e custode dei nostri mali e (dei nostri) beni; questo a seconda di[2] come è trattato, così egli stesso ci tratta. Davvero il buon uomo non è[3] senza dio: o forse qualcuno può elevarsi sopra la sorte qualora non aiutato da quello? Quello dà magnifici e nobili consigli. In ciascuno degli uomini buoni dimora un dio. Se si imbatterà in te un luogo pieno di[4] vecchi alberi e che oltrepassano l’altezza solita, quell’altezza del bosco e la solitudine del luogo ti renderà fedele (lett. “farà fede a te”) della volontà divina. Se una grotta profonda di pietra corrosa, non fatta da mano (umana), ma scavata da cause naturali in tanta ampiezza, solleverà un monte, il tuo animo per senso di religioso timore sarà scosso fino ad un certo punto. Veneriamo le sorgenti dei grandi fiumi; sono onorate[5] le fonti delle acque calde, e si consacrano in certa misura le acque stagnanti o l’oscurità o l’immensa altitudine. Se tu vedessi una persona intrepida (dei pericoli), illesa dai desideri, felice tra le avversità, tranquillo in mezzo alle tempeste, che guarda gli uomini da un luogo superiore, gli dei da pari livello, non sarà egli sottoposto a venerazione da te? Non dirai: “C’è questa cosa maggiore e più alta perché possa essere ritenuta simile a questo corpicino in cui si trova?”. Non può esistere tanto[6] senza il sostegno dei numi (degli dei).
Paradigmi
Exoro, as, avi, atum, are
Exaudio, is, ivi, itum, ire
Sedeo, es, sedi, sessum, ēre
Exsurgo, is, surrexi, surrectum, ĕre
Adiuvo, as iuvi, iutum, are
Habito, as, avi, atum, are
Egredior, eris, gressus sum, gredi
Suspendo, is, pendi, pensum, ĕre
Exedo, is, edi, esum, ĕre
Percutio, is, cussi, cussum, ĕre
Veneror, aris, atus sum, ari
Colo, is, colui, cultum, ĕre
Subeo, is, ii, itum, ire



[1] admittat
[2] prout
[3] nemo es
[4] frequens
[5] coluntur
[6] tanta res

Nessun commento:

Posta un commento